Articoli recenti

img_7709_torre-della-pelosa_stintino

Stintino, Castelsardo e Alghero

Poco dopo l’arrivo in Sardegna, mentre procedevo con l’auto lungo la strada che da Alghero conduce a Stintino, e mi addentravo nella campagna arida e illuminata dalla calda luce del pomeriggio agostano, avvertivo un’insolita sensazione di déjà vu. Il paesaggio circostante, nonostante mi fosse nuovo e sconosciuto, suscitava in me una vaga sensazione di familiarità di cui non riuscivo a comprendere pienamente le ragioni. […] Quella che segue è la rielaborazione tardiva di un viaggio, giocata sul filo del ricordo, dell’immaginazione e della suggestione narrativa innescata dalla riflessione sui meccanismi psicologici della memoria. O forse, è solo il sogno di un viaggio.

Al di là del muro

Una Toscana insolita

Ero arrivato in Valdichiana dopo Capodanno per trascorrervi un paio di giorni con l’intenzione di scattare delle foto paradigmatiche del territorio toscano. Invece mi sono trovato davanti un paesaggio insolito e inaspettato: pioggia intermittente; freddo umido e pungente; dense nebbie mattutine che allagavano le valli; nubi scure e minacciose; borghi con piazze e vicoli quasi deserti; chiese cupe, tetre, che odoravano di muffa e umido, che comunicavano un senso incombente di morte e decomposizione; cascine e casolari abbandonati. Un’atmosfera statica di attesa e tensione incipiente che mi ha fatto venire in mente i racconti di H.P. Lovecraft con il loro carico di segreti inconfessabili.

Alberi nella nebbia

L’arrivo

Fu a quel punto che intravide i grandi alberi che segnavano il confine occidentale della tenuta. Si ergevano imponenti, i rami spogli interamente ricoperti di brina a disegnare nel cielo intricate trame di pizzo. Ai bordi della staccionata stazionavano alcuni cavalli che si confondevano nella nebbia. Poco più in là, un grande cancello di ferro battuto posto tra due pilastri in pietra segnalava l’ingresso alla villa.

strada nella nebbia

Durante il viaggio

Mentre l’auto avanzava lenta in quel paesaggio spettrale sentì che il suo controllo razionale si andava via via allentando. Probabilmente c’era qualcosa di ipnotico nello scorrere del nastro nero dell’asfalto davanti a sé, nel rumore sordo dello srotolarsi degli pneumatici, nella ritualità del viaggio, che lo predisponevano a una posizione di ascolto e di estrema ricezione. L’alta umidità legata alle fredde temperature del mattino aveva ricoperto gli alberi e la terra di cristalli di bianca galaverna.

IMG_2037

Nebbia

Sembrava che il mondo esterno fosse sparito all’improvviso, inghiottito dalla nebbia. La campagna era immersa in una tenue luce lattiginosa. Forme e colori emergevano a fatica dal nulla, simulacri fantasmatici di una realtà ora lontana e indifferente che svelava il suo lato più opaco e inconoscibile all’uomo. C’era un’atmosfera irreale di silenzio e sospensione del tempo.

IMG_3747-3

Temporale di fine estate al mare

La prima settimana di settembre dello scorso anno ero tornato a Scoglitti, in Sicilia, per un breve soggiorno di alcuni giorni a casa dei miei. Verso le sei del pomeriggio ero appena sceso al mare quando si alzò improvviso un vento forte e umido, la temperatura si abbassò rapidamente mentre grandi nuvole nere, basse e gravide di pioggia, avanzavano veloci verso il mare, preannunciando lo scoppio di un violento temporale di fine estate.

Bergamo Alta, agosto 2013

Primi esperimenti di foto in bianco e nero

L’ultima volta che mi sono cimentato con la fotografia in bianco e nero credo sia stato intorno al 1985, negli ultimi anni del liceo. Fotografia in bianco e nero, allora come oggi, era sinonimo di ‘fotografia artistica’, almeno nelle intenzioni degli aspiranti fotografi. Nella realtà, a giudicare dai risultati, è più spesso sinonimo di ‘pretenziosità artistica’.

IMG_3307

Finestre e punti di vista a Taormina

La finestra è luogo di attraversamenti, di giochi molteplici di sguardi, di traiettorie speculari, di prospettive e punti di vista complementari: punto d’incontro tra mondi opposti, incarnazione della tensione tra mondo esterno e mondo interno.

IMG_3547

Bergamo Alta

Sarà per quelle strane e inspiegabili consonanze che riecheggiano dentro di noi ma la prima volta che misi piede in Città Alta a Bergamo, una sera di quasi vent’anni, fa provai un’insolita sensazione di familiarità.

Sicilia

IMG_3747-3

Temporale di fine estate al mare

La prima settimana di settembre dello scorso anno ero tornato a Scoglitti, in Sicilia, per un breve soggiorno di alcuni giorni a casa dei miei. Verso le sei del pomeriggio ero appena sceso al mare quando si alzò improvviso un vento forte e umido, la temperatura si abbassò rapidamente mentre grandi nuvole nere, basse e gravide di pioggia, avanzavano veloci verso il mare, preannunciando lo scoppio di un violento temporale di fine estate.

IMG_3307

Finestre e punti di vista a Taormina

La finestra è luogo di attraversamenti, di giochi molteplici di sguardi, di traiettorie speculari, di prospettive e punti di vista complementari: punto d’incontro tra mondi opposti, incarnazione della tensione tra mondo esterno e mondo interno.

IMG_1258-ristorante-enzo-a-mare-punta-secca-sicilia

Sulle tracce di Montalbano

Ci ho riflettuto un po’ se pubblicare queste foto scattate stamane a Punta Secca, in una breve toccata e fuga di quattro giorni in…

img_5654

Mare e macchia mediterranea

Oggi siamo andati nella spiaggia di Randello, a circa 5 km da casa, alla quale si accede dopo un lunga scarpinata all’interno di un’area…

img_5524

Il mare che preferisco

Stamane il vento si è nuovamente alzato. Intuendo che di lì a poco si sarebbe levato in tutta la sua potenza ho preso le…

Cinema

Tappeto labirinto - Shining

Shining, Borges e il labirinto (2/2)

Il labirinto è il luogo in cui la soluzione deve essere tentata ad ogni svolta, senza occhi e senza memoria: è il simbolo della ricerca istintiva, anteriore alla ragione e alla scienza.

labirinto jack

Shining, Borges e il labirinto (1/2)

«Sotto alberi inglesi meditai su quel labirinto perduto: lo immaginai inviolato e perfetto sulla cima segreta d’una montagna. Pensai a un labirinto di labirinti,…

Scozia

Letture

E nemmeno un rimpianto

Questa non è una recensione. È la pregustazione di un’aspettativa, il sogno di una promessa fatta baluginare dalla foto di copertina e da poche…

meriggio

Stabat nuda aestas

Non so cosa ci possa essere di più “inattuale“, antimoderno, rivoluzionario e contrastante con i valori dominanti di questo tempo – o l’assenza di valori…