Ascenseur pour l’échafaud

Ascenseur pour l’échafaud (1958) – Ascensore per il patibolo, nella versione italiana – è lo stupendo film d’esordio del regista francese Louis Malle.

Si tratta di un classico noir francese ambientato nella Parigi di fine anni cinquanta, un thriller psicologico dal sapore hitchcockiano e dall’atmosfera nouvelle vague, con degli straordinari interpreti, prima fra tutte una splendida e bellissima Jeanne Moreau, l’indimenticabile protagonista di film come Les amants e Jules e Jim.

Ascenseur pour l’échafaud è un film con una bellissima fotografia in bianco e nero, un ritmo incalzante e un finale perfetto, beffardo e ineluttabile, come il destino.

Un discorso a parte merita la leggendaria colonna sonora del film, realizzata dal trombettista Miles Davis. Si dice che sia stata improvvisata sul momento durante un party a casa di Jeanne Moreau, bevendo drink, mentre su uno schermo scorrevano le immagini del film.

Ascenseur pour l'échafaud  Jeanne Moreau e Miles Davis  Jeanne Moreau e Miles Davis durante la registrazione della colonna sonora  Miles Davis  Miles Davis 2

La musica del film è fortemente notturna, intrisa di umori malinconici, di una bellezza severa e struggente, impregnata di quel “blue mood” che avrebbe caratterizzato lo stile di Miles Davis nei decenni a venire. Musica che dà i brividi, a chi è capace di coglierne la bellezza.

Quando come in questi giorni mi sento malinconico, ripiegato su me stesso, mi rivolgo ad ascoltare quegli album di Miles Davis o John Coltrane che mi accompagnano da decenni e che mi danno conforto.

La colonna sonora di Ascenseur pour l’échafaud è appunto uno di questi.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on Google+0

Sono un Project Manager con quasi 20 anni di esperienza nel settore web. Dal 2007 lavoro a Lugano, in Svizzera. Mi sono laureato in Lettere Moderne all'Università di Padova nel 1995, con una tesi in Storia e Critica del Cinema sul film 'Full Metal Jacket' di Stanley Kubrick. Sono un appassionato di musica jazz, blues e rock. Mi interesso di fotografia, cinema, psicologia e filosofia.

2 Comments

  • Reply April 9, 2008

    ermeneuta

    No, non era questo il film di cui ti parlavo, quello è del 2004.

    Abbi pazienza, ci stavo pensando giusto ieri. 😉

  • Reply April 9, 2008

    nexusdue

    Era questo che mi consigliavi? Lo vedo comunque, ora sono curioso… solo che sarà difficile trovarlo. Confido nella rete o nella tua bontà

Leave a Reply


*