Gabbiani – Vincenzo Cardarelli

Gabbiani

Gabbiani

Non so dove i gabbiani abbiano il nido,
ove trovino pace
io son come loro,
in perpetuo volo.
La vita la sfioro
com’essi l’acqua ad acciuffare il cibo.
E come forse anch’essi amo la quiete,
la gran quiete marina,
ma il mio destino è vivere

balenando in burrasca

(Vincenzo Cardarelli)

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on Google+0

Sono un Project Manager con quasi 20 anni di esperienza nel settore web. Dal 2007 lavoro a Lugano, in Svizzera. Mi sono laureato in Lettere Moderne all'Università di Padova nel 1995, con una tesi in Storia e Critica del Cinema sul film 'Full Metal Jacket' di Stanley Kubrick. Sono un appassionato di musica jazz, blues e rock. Mi interesso di fotografia, cinema, psicologia e filosofia.

2 Comments

  • Reply August 23, 2008

    ermeneuta

    La foto l’ho scattata sul Lago di Lugano il 3 gennaio 2008, cinque giorni prima di partire per l’Estonia, durante una nevicata, presagendo ben altri scenari invernali e dell’anima.

    Il modo migliore di essere italiani è prendere le distanze da essa, siano esse distanze fisiche o solo spirituali.
    Guardarla con distacco, criticarla, disprezzarne gli aspetti peggiori, odiarla se è il caso.
    Tutto questo nasconde un grande amore per l’Italia, il desiderio e la voglia di cambiarla, di vederla diversa.

    Ciao
    Salvo

  • Reply August 23, 2008

    giuseppe

    Ciao Salvo! Che belle sono le immagini di Cardarelli, ammetto di aver usato da ragazzino la sua “Ritratto” per conquistare le ragazze, come potevano resistere a quelle parole meravigliose..qui a tallinn la luce è sempre splendida e cangiante..ho partecipato alla festa dell’indipendenza estone..mi sono commosso davanti a 200 mila giovani e meno giovani, ragazzini e bimbetti, tutti per ore felici di intonare i canti popolari estoni..ho pensato all’italia, ai nostri crescenti egoismi e alle evidenti divisioni, mi è venuto in mente gaber, io non mi sento italiano..ma per fortuna o purtroppo lo sono…
    Ti mando un caro saluto dal baltico…
    Giuseppe

Leave a Reply


*