Pausa pranzo lavoro a Lugano

Oggi è stata una splendida giornata di sole. Aria limpida, luce tersa, colori sfavillanti.

Il vento ha spazzato via tutto il grigiore del lungo inverno.

Stamane, presagendo lo spettacolo che si sarebbe presentato, ho portato con me la fotocamera, prima di partire in treno per Lugano.

Devo confessare che il panorama che si presenta al viaggiatore che da Capolago prosegue in treno per Lugano è veramente mozzafiato.

Costeggiando il lago da diverse sponde e angolazioni, il paesaggio non cessa mai di stupire ed incantare, così come la luce e i colori che mutano con l’avvicendarsi delle stagioni e le ore del giorno.

Le vette innevate, il blu intenso del lago, le nubi ora candide, ora cupe e minacciose, l’atmosfera ora limpida e accecante, ora lattiginosa e incerta per la nebbia fitta: uno spettacolo meraviglioso da gustare giorno dopo giorno.

Avevo proprio bisogno di un bagno di luce rigenerante, di sentire il vento frizzante sul viso, di respirare aria pulita, sentire l’odore delle montagne, vedere i giochi dei riflessi sull’acqua.

Lugano 01 Lugano 02 Lugano 03

Lugano 04 Lugano 05 Lugano 06

Ultimamente stavo chiedendo troppo al mio fisico, ed ero andato in riserva. Avevo bisogno di una pausa. Un tuffo nella luce e nella natura.

Oggi l’occasione si è presentata e non me la sono lasciata sfuggire.

Lugano 07 Lugano 08 Lugano 09

Lugano 10 Lugano 11 Lugano 12

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on Google+0

Sono un Project Manager con quasi 20 anni di esperienza nel settore web. Dal 2007 lavoro a Lugano, in Svizzera. Mi sono laureato in Lettere Moderne all'Università di Padova nel 1995, con una tesi in Storia e Critica del Cinema sul film 'Full Metal Jacket' di Stanley Kubrick. Sono un appassionato di musica jazz, blues e rock. Mi interesso di fotografia, cinema, psicologia e filosofia.

4 Comments

  • Reply March 12, 2009

    ermeneuta

    Sì, da questo punto di vista mi ritengo un privilegiato, lo ammetto.
    Quando lavoravo a Monza o Milano, in pausa pranzo mi guardavo il traffico, le automobili, il cemento e il cielo grigio di smog.

    Ciao
    Salvo

  • Reply March 12, 2009

    Pina

    sei un uomo fortunato.
    Se la fortuna di un uomo la misuriamo in base a ciò ch’egli vede mentre lavora, sei un uomo moooolto fortunato.

    Mozzafiato il cielo, mescolato al lago.. e i rami che si protendono all’acqua.
    Invidio quella tua passeggiata..

    E quelle anatre che pascolano sull’acqua, le hai pagate perchè fossero lì? Esattamente lì?? Come quel volatile che sporca il cielo, sulle montagne, in lontananza, libero e felice, anche lui, di quei colori sfavillanti di cui ha approfittato la tua fotocamera.

    Bentornate parole… 🙂

  • Reply March 12, 2009

    ermeneuta

    Un trasferimento (di casa, città, addirittura nazione) è un’operazione abbastanza complessa che richiede tempo e un minimo di organizzazione.
    In più le bambine dovrebbero cambiare scuola, sistema scolastico e amici.
    E hanno subito già abbastanza cambiamenti.

    Io non ho tempo in questo momento. Ogni ora rubata cerco di godermela.

    E comunque ora come ora non mi traserirei in Svizzera. Voglio godermi fino in fondo il mio essere nomade.
    Non voglio fare radici in nessun posto attualmente.
    Voglio essere libero di fare e andare rapidamente dove mi porta il vento e l’istinto.

  • Reply March 12, 2009

    Giusi

    Ehm, lo so che non mi sto facendo i fatti miei, ma visto che ci sono passata anche io da un’esperienza simile (anche se da separata, non da vedova), mi permetto di chiederti come mai non ti trasferisci a Lugano?
    Non so quali sono gli svantaggi, ma dal mio punto di vista di osservatrice che non ti conosce e di te sa solo ciò che legge dal blog, vedo solo vantaggi…

Leave a Reply


*