Stabat nuda aestas

Non so cosa ci possa essere di più “inattuale“, antimoderno, rivoluzionario e contrastante con i valori dominanti di questo tempo – o l’assenza di valori che dir si voglia – che prendere in mano un libro di poesie italiane in una calda notte di agosto, sfogliarlo guidato dai ricordi universitari, soffermarsi ora su quell’autore ora su quell’altro e iniziare a leggere le poesie che abbiamo sempre amato per trarvi conforto, piacere e oblio dall’aridità della vita di tutti i giorni, riscoprendovi intatta la potenza dirompente e la forza evocatrice del verso.

Ho sempre amato il D’Annunzio poeta dell’Alcyone, il poema dell’Estate, il libro di liriche dove viene celebrata la comunione dell’uomo con la natura colta al culmine della sua potenza vitale, la pagana, selvaggia e ancora innocente capacità dell’uomo di immedesimarsi con il pulsare della vita e fluire in essa come parte del tutto.

Il senso di ebbrezza panica, il naturalismo gioioso, il senso di abbandono alla vita, la profonda musicalità evocatrice del verso che D’Annunzio riesce ad esprimere nelle migliori liriche dell’Alcyone costituiscono uno dei momenti fondamentali della poesia italiana.

Stabat nuda aestas, il cui titolo è un omaggio al grande poeta latino Ovidio, è una delle mie preferite da sempre.

Il sottile erotismo di cui è pervasa tutta la lirica, il silenzio del paesaggio nell’immobilità della gran calura estiva, il senso di trepidante attesa, gli splendidi squarci descrittivi del corpo della dea, culminano nel finale con l’immagine indimenticabile della Dea che incespica al termine dell’inseguimento e cade distesa fra le sabbie e l’acqua, col vento di ponente che fa schiumare l’onda marina fra i suoi capelli scomposti.

Per un attimo, prima di rifluire nuovamente nel paesaggio inondato di luce del meriggio, la dea si svela al poeta nella sua immensa nudità.

Dedico questa poesia, in un giorno che per me ha un significato molto particolare, a colei di cui primamente intravidi il piè stretto e alla fine raggiunsi esattamente diciott’anni fa, e che adesso appartiene a quella dimensione ineffabile e misteriosa preclusa a noi viventi.

Stabat nuda aestas (Gabriele D’Annunzio)

Primamente intravidi il suo piè stretto
scorrere su per gli aghi arsi dei pini
ove estuava l’aere con grande
tremito, quasi bianca vampa effusa.
Le cicale si tacquero. Più rochi
si fecero i ruscelli. Copiosa
la rèsina gemette giù pè fusti.
Riconobbi il colúbro dal sentore.

Nel bosco degli ulivi la raggiunsi.
Scorsi l’ombre cerulee dei rami
su la schiena falcata, e i capei fulvi
nell’argento pallàdio trasvolare
senza suono. Più lungi, nella stoppia,
l’allodola balzò dal solco raso,
la chiamò, la chiamò per nome in cielo.
Allora anch’io per nome la chiamai.

Tra i leandri la vidi che si volse.
Come in bronzea mèsse nel falasco
entrò, che richiudeasi strepitoso.
Più lungi, verso il lido, tra la paglia
marina il piede le si torse in fallo.
Distesa cadde tra le sabbie e l’acque.
Il ponente schiumò ne’ suoi capegli.
Immensa apparve, immensa nudità.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on Google+0

Sono un Project Manager con quasi 20 anni di esperienza nel settore web. Dal 2007 lavoro a Lugano, in Svizzera. Mi sono laureato in Lettere Moderne all'Università di Padova nel 1995, con una tesi in Storia e Critica del Cinema sul film 'Full Metal Jacket' di Stanley Kubrick. Sono un appassionato di musica jazz, blues e rock. Mi interesso di fotografia, cinema, psicologia e filosofia.

6 Comments

  • Reply February 13, 2013

    petrarca

    Eccezionale.
    Ho vissuto, e vivo, pienamente quello che tu scrivi.
    Posseggo tutte le versioni disponibili (compresa la prima edizione del 1903 e la bodoniana del 1927) e i commenti critici di quello che io considero il più bel libro (di sempre) scritto in lingua italiana.
    Bel sta per bellezza.
    E ho detto tutto.
    Grazie!

  • Reply February 21, 2011

    Anna Rita

    Bella riflessione, delicata dedica

  • Reply July 3, 2010

    ermeneuta

    @ Flavia
    Grazie a te per i complimenti, mi fa piacere che parlare di poesia possa suscitare emozioni forti.
    In bocca al lupo per l’esame di maturità.

    Salvo

  • Reply July 3, 2010

    Flavia

    Grazie per il bellissimo commento. Anche io ho amato fin da subito questa poesia, tanto che adesso ho deciso di inserirla nella mia tesina di maturità sul tema CORPO.

  • Reply August 27, 2009

    Miriam

    “…il ponente schiumò nei suoi capegli…” è uno dei versi che preferisco di questa poesia, per l’immagine che mi restituisce.
    Sublimare nella parola scritta emozioni ed immagini è virtù di pochi.

  • Reply August 22, 2009

    Alessandra

    Ogniqualvolta penso che tu possa essere arrivato al culmine della sensibilità umana, ecco arrivare un nuovo post…in cui ti rincorri, ti raggiungi e ti superi ancora.
    Grazie Salvo.
    Davvero.
    Soltanto grazie.

    Ale

Leave a Reply


*