Finestre e punti di vista a Taormina

La finestra è un elemento architettonico che, per le sue caratteristiche intrinseche di apertura e raccordo, membrana trasparente che rende possibile la comunicazione tra lo spazio esterno e quello interno e viceversa, stimola una molteplicità di riflessioni sul rapporto tra mondo interiore e mondo esteriore, tra ‘io’ e mondo.

La finestra è luogo di attraversamenti, di giochi molteplici di sguardi, di traiettorie speculari, di prospettive e punti di vista complementari: punto d’incontro tra mondi opposti, incarnazione della tensione tra mondo esterno e mondo interno.

Considerata dal punto di vista di chi si trova all’interno dell’edificio o vi abita, la finestra può essere vista nella sua funzione di apertura su un paesaggio esterno, di membrana che rende possibile alla luce di penetrare e illuminare gli ambienti interni e al tempo stesso come ‘macchina per vedere‘, cornice che permette di ‘inquadrare’ e catturare porzioni di spazio esterno da osservare e contemplare comodamente nella tranquillità domestica e nella sicurezza del proprio focolare.

Se invece consideriamo la finestra dal punto di vista esterno, quello che risalta maggiormente è il suo ruolo decorativo e tematico: pensiamo a come il raggruppamento e la distribuzione delle aperture delle finestre generi i ritmi della parete di un edificio grazie alla ripartizione dei vuoti e dei pieni secondo criteri di simmetria e regolarità o di asimmetria.

In ogni caso benché trasparente la finestra ha il ruolo specifico di tener ben separati questi due mondi (esterno e interno). La sua permeabilità deve essere solo simbolica: permette di vedere in parte cosa succede all’esterno e di intuire cosa ribolle all’interno, ma la visione è sempre parziale, la conoscenza totale è preclusa allo sguardo, che deve ricorrerre all’immaginazione per sopperire alla mancanza di informazione.

Ecco perchè la finestra gioca un ruolo fondamentale nell’immaginario collettivo, nelle arti figurative e letterarie, nel cinema e nei sogni, fino a diventare essa stessa emblema, archetipo dello sguardo e del desiderio.

Le foto sono state scattate nella prima metà di Agosto del 2013 a Taormina: ho voluto dare un punto di vista diverso e inusuale su uno dei luoghi più fotografati in assoluto.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on Google+0

Sono un Project Manager con quasi 20 anni di esperienza nel settore web. Dal 2007 lavoro a Lugano, in Svizzera. Mi sono laureato in Lettere Moderne all'Università di Padova nel 1995, con una tesi in Storia e Critica del Cinema sul film 'Full Metal Jacket' di Stanley Kubrick. Sono un appassionato di musica jazz, blues e rock. Mi interesso di fotografia, cinema, psicologia e filosofia.

Be first to comment


*