Olanda – dicembre 2008

Questo inverno sono stato poco più di una settimana in Olanda sul mare del nord, precisamente a Noordwijk aan Zee, dal 27 dicembre al 3 gennaio.

Un piccolo appartamento al mare, in un residence, lontano da tutto e da tutti, con le bambine. Il vento, le dune e il mare a farci compagnia.

Faceva molto freddo. Le minime notturne erano di -8 – 10 gradi, le massime raramente erano sopra lo zero. Il vento gelido e umido proveniente dal mare rendeva la temperatura percepita ancora più rigida.

I primi giorni c’era il sole, un sole basso sull’orizzonte, com’è normale a quelle latitudini d’inverno, ma dalla luce intensa e dorata, che proiettava ombre lunghe anche a mezzogiorno, donando un fascino inconsueto ai paesaggi.

La notte gelava. Gli innumerevoli canali e vie d’acqua che impreziosiscono il paesaggio olandese erano tutti ghiacciati, come non capitava almeno da una decina d’anni.

img_1916.jpg img_1918.jpg img_1933.JPG

img_1934.JPG img_1936.jpg img_2253.jpg

Questa particolare situazione ha fatto sì che in quei giorni gli olandesi tutti, bambini, adulti ed anziani, tirassero fuori i i pattini per andare pattinare sui tanti canali e laghetti ghiacciati.

Uno spettacolo stupendo.

Girando per le campagne sembrava di mirare uno dei tanti quadri fiamminghi dell’epoca d’oro che ritraevano gli abitanti dei piccoli borghi pattinare frenetici e armoniosi sui canali ghiacciati, fra mulini a vento e cieli sterminati cosparsi di nuvole.

Il 31 dicembre è stato forse il giorno più freddo dell’anno.

Mi sono svegliato alle nove di mattina, era ancora quasi tutto buio. Ma fra la nebbia si intravedeva uno spettacolo meraviglioso, fiabesco.

L’alta umidità legata alle fredde temperature aveva generato una brinata eccezionale. Era tutto bianco. Sembrava che avesse nevicato, ma era solo gelo.

Sono uscito con le bambine a scattare delle foto.

Il paesaggio era immerso in un silenzio irreale. La nebbia, il freddo pungente e umido, la quasi totale assenza di persone rendevano il tutto magico.

img_2028.jpg img_2037.jpg img_2045.jpg

Sono andato a mare. Non avevo mai visto nulla di simile in vita mia.

La sabbia della spiaggia era completamente bianca, come innevata. La vegetazione selvatica, le dune, le transenne di legno, tutto era ricoperto di gelo, di cristalli di ghiaccio. Tutto immerso nella nebbia.

Il mare si intravedeva a fatica. Fra la nebbia, rare e sparute figure umane, passeggiavano sulla spiaggia. I confini fra cielo e mare erano indistinti.

img_2048.jpg img_2061.jpg img_2066.jpg

img_2068.jpg img_2069.jpg img_2073.jpg

img_2076.jpg img_2077.jpg img_2085.jpg

Un paesaggio quasi polare. Corvi neri volavano radi e si posavano sui pali, fra la vegetazione.

Non dimenticherò mai quel giorno, quell’atmosfera, quelle sensazioni magiche, le emozioni intense che ho provato. Lo stupore infantile che si è risvegliato in me a sopraffare tutto il resto.

Il giorno dopo la nebbia era completamente sparita. Il sole brillava di nuovo, seppure fra un freddo intenso.

img_2089.jpg img_2092.jpg img_2108.JPG

img_2121.jpg img_2136.jpg img_2139.jpg

img_2140.jpg img_2142.jpg img_2146.jpg

A testimonianza di quel magico ultimo giorno dell’anno mi sono rimaste le centinaia di foto che ho scattato, e di cui pubblico solo una minima parte.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on Google+0

Sono un Project Manager con quasi 20 anni di esperienza nel settore web. Dal 2007 lavoro a Lugano, in Svizzera. Mi sono laureato in Lettere Moderne all'Università di Padova nel 1995, con una tesi in Storia e Critica del Cinema sul film 'Full Metal Jacket' di Stanley Kubrick. Sono un appassionato di musica jazz, blues e rock. Mi interesso di fotografia, cinema, psicologia e filosofia.

9 Comments

  • Reply April 14, 2009

    Steve

    Sicuramente un’esperienza indimenticabile per tutti e tre: complimenti per le foto.

  • Reply February 4, 2009

    Carlo

    Chissà che bei ricordi conserveranno le tue bambine di queste preziose esperienze, così lontane dagli scenari di tutti i giorni, distillate, profondamente umane.
    Un caro saluto.

  • Reply February 3, 2009

    Marco

    A parte il fatto che tra le foto dell’album che t’ho indicato c’è anche la mia faccia…:-), a parte gli scherzi, quando io cercai un sito per la pubblicazione degli album, andrai prima su MySpace (orribile ed in più devi essere iscritto per poterle vedere) e poi su flickr che però – se non sono cambiate le cose – ti permetteva un max di 3 (mi pare album) ed inoltre ti costringeva a fare l’upload file per file.
    Con picasa tutto questo è evitabile.

    Solo le foto più belle? Miii….vuoi dire che quelle dell’Olanda non sono una selezione? My compliments again….:)

    Ciao
    Viking:)

  • Reply February 3, 2009

    ermeneuta

    Ciao Marco,

    ma sai che ho capito chi eri solo dopo aver letto la tua email? 😉
    Devi ringraziare il fatto che conosco la storia dell’esplorazione spaziale e i nomi di quasi tutte le sonde lanciate fino alla fine degli anni novanta: poi ho mollato un po’ il colpo… ah ah ah ah.

    Comunque, conosco picasaweb. E ho anche un account su Flickr, pur non avendo mai caricati nemmeno una foto 🙁
    Mi manca il tempo. Ma vorrei organizzarlo e bene e caricare solo le foto più belle.

    Ciao “Pioneer” 😉

  • Reply February 3, 2009

    Marco

    Ciao Salvo,
    complimenti per le foto.
    Se vuoi un consiglio ti indico – ammesso che tu non lo conosca già – il sito di google per la pubblicazione.
    http://picasaweb.google.com/

    E’ molto semplice fare album e l’upload. Addirittura, se ti scarichi un loro software, puoi uploadarle tutta in una botta sola.
    Infine, una volta caricate, è possibile vedere le miniature ed ingrandirle od utilizzare la funzione slideshow per vederle scorrere da sole.

    Per un esempio, guarda qui: http://picasaweb.google.com/vjger69/Lanzarote#

    Ciao
    Il Viaggiatore…;-)

  • Reply February 3, 2009

    Pina

    🙂
    Un cecchino di PACE… ovviamente!

    Bè, hai affinato la tecnica allora: se non ti fermi a studiare e bilanciare l’inquadratura, e a volte non ti fermi proprio.. e questi sono i risultati, figurarsi cosa faresti avendo tempi diversi..

    Ciao,
    Pina

    PS onorata delle tue visite al mio blog..

  • Reply February 2, 2009

    ermeneuta

    Grazie a te per i complimenti. Anch’io ho letto più volte il tuo blog, e alcune storie mi hanno colpito in modo piacevole, e seppur lunghe le ho lette tutte di un soffio (come quella sulla storia delle tua famiglia e dei nonni).

    La fotografia è una passione che mi porto dietro da quando ero ragazzino.
    Ma adesso, avendo sempre dietro con me le bambine, mi muovo piuttosto come un reporter di guerra. Osservo, colgo l’immagine che mi colpisce, inquadro e scatto nell’arco di una frazione di secondo. Non solo senza quasi fermarmi a studiare e bilanciare la composizione dell’inquadratura, ma a volte senza nemmeno fermarmi.
    Sembro un cecchino. Inquadro e premo il grilletto 😉

    Ciao
    Salvo

  • Reply February 2, 2009

    Pina

    Sei un fotografo straordinario.
    Sicuramente ha la sua importanza anche il luogo, poichè (sono di Altamura) è parecchio diverso, direi proprio LONTANO, dal mio usuale paesaggio.. anche le foto in Sicilia, la scorsa estate, mi hanno fatto il medesimo effetto..
    Però penso sia proprio il tuo occhio fotografico, a fare di scorci di paesaggi, semplice poesia.

    E adoro il tuo stile narrativo.
    Io ti trovo coinvolgente, come un buon libro.
    E quindi, oltre che ringraziare te, per i tuoi post-racconto, ringrazio nexus2, dal cui blog ho tratto il tuo link.

  • Reply February 2, 2009

    Gio

    Bellissime foto, chissà dal vivo che spettacolo. Ciao Gio

Leave a Reply


*